Un articolo dedicato ai miei editor e al piacere intensissimo che ti regala il farsi editare

Il piacere di farsi editare

Da quando scrivo ho avuto molto a che fare con gli editor. Da quando è accaduto la prima volta, mi sono sempre domandato perché questi professionisti della filiera editoriale attirino così tanto odio da parte di scrittori e aspiranti scrittori.

Farsi editare è una delle migliori esperienze che un autore possa fare. Il confronto con un'altra persona aiuta a crescere e a migliorarsi. Ma, soprattutto, è una straordinaria medicina per la più mortale delle malattie che affligge gli scrittori: l'ego.

Pubblicato su Ultima Pagina, Il piacere di farsi editare è una breve lettera d'amore e di stima dedicata a tutti i miei editor. Con la speranza che queste parole bastino a ripagarli del lavoro e degli sforzi fatti.

Col tempo, e dopo esser stato editato molte volte, sono giunto alla conclusione che tutto l’astio nei confronti di questa categoria professionale, il cui lavoro consiste nel curare l’edizione di un libro, aiutandolo a esprimere tutto il suo potenziale, sia solo una questione di ego. Eh si, perché affidarsi alle mani di un editor è una delle cose che più mette alla prova il nostro amor proprio.